GATE LOGO

Gate S.r.l.

Società di servizi

 

Ora corrente: 07/04/2020 - Martedì - 01:21



Assistenza nell'adozione della Carta d'Identità Elettronica (CIE)


Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n.75 del 01/04/2005, della Legge n.43 del 31/03/2005 (conversione del D.L. n.7/2005), viene dato ufficialmente il via all’emissione della CIE.
L’articolo 7 vicies comma 2 della citata legge dispone infatti che “dalla stessa data di cui al comma 1 (1 gennaio 2006), la carta d’identità su supporto cartaceo è sostituita, all’atto della richiesta del primo rilascio o del rinnovo del documento, dalla carta d’identità elettronica, classificata carta valori, prevista dall’articolo 36 del testo unico di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 28/12/2000, n.445. A tal fine i comuni che non vi abbiano ancora ottemperato provvedono entro il 31 ottobre 2005 alla predisposizione dei necessari collegamenti all’Indice Nazionale delle Anagrafi (INA) presso il Centro Nazionale per i Serivizi Demografici (CNSD) ed alla redazione del piano di sicurezza per la gestione delle postazioni di emissione secondo regole tecniche fornite dal Ministero dell’Interno.”
http://www.gatesrl.net/images/imagestock/64fafbf8e3aec4cd9a800d165b365f9d


Come si evince dall’articolo sopra riportato, ribadito dalla circolare n.20 del 18/04/2005 del Ministero dell’Interno, tutti i comuni dovranno iniziare ad emettere la CIE a partire dal 1 gennaio 2006, previo svolgimento delle attività burocratiche preliminari all’emissione.

Quali attività espletare per emettere la CIE

Per poter emettere la CIE l’Ente deve espletare le seguenti attività:
1. allineamento dei Codici Fiscali relativi ai cittadini presenti nell’anagrafe comunale con l'Agenzia delle Entrate (entro il 31/10/2005);
2. popolamento dell’Indice Nazionale delle Anagrafi (INA) (entro il 31/10/2005);
3. inoltro della richiesta di autorizzazione all’emissione della CIE alla Prefettura di competenza;
4. accompagnare la richiesta con Piano di Sicurezza per la gestione delle Postazioni di Emissione;
5. acquisto della/e postazione/i di emissione;
6. installazione del software fornito dal Ministero;
7. collaudo del Sistema ed emissione della CIE.



Quali difficoltà superare

Risulta evidente come l’Ente possa incontrare anche serie difficoltà nel predisporre, pianificare ed ottemperare a tutte le attività sopra elencate senza un adeguato supporto tecnico. E’ infatti indispensabile allineare i codici fiscali, popolare l’INA, predisporre il Piano di Sicurezza, valutare tecnicamente la postazione di emissione e procedere con la sua installazione.
Tutte attività che prevedono un impegno di tempo, di risorse umane e di cultura informatica.



I servizi di GATE Srl per la CIE

Per tutti questi motivi GATE Srl si rende disponibile ad operare in termini di consulenza e di operatività per agevolare il raggiungimento dell’obiettivo CIE da parte dei propri clienti.
I servizi forniti da GATE Srl prevedono l’affiancamento del comune nella validazione dei codici fiscali e nel popolamento dell’INA mediante la fornitura di opportuni moduli software, l’erogazione della formazione necessaria al loro utilizzo, la predisposizione della richiesta di autorizzazione all’emissione della CIE e del Piano di Sicurezza da presentare alla Prefettura di competenza, la consulenza nella scelta delle postazioni hardware di emissione della CIE, il collegamento con il nostro software di anagrafe, l’attivazione e l’avviamento definitivo di tutto il sistema.

In questo contesto la prima attività da svolgere è la validazione dei codici fiscali dei cittadini ed il popolamento dell’INA.
Il comune già in possesso del modulo software integrato nella nostra anagrafe potrà effettuare i collegamenti telematici del caso con estrema facilità.
Il nostro sevizio di assistenza è a disposizione per tutte le informazioni necessarie.

Effettuata questa prima fase di allineamento e di popolamento sarà necessario predisporre un progetto nel quale elencare i punti ancora da svolgere ed il relativo impegno economico da predisporre per il completamento del progetto CIE.
Ma mentre il quadro normativo è certo per la fase di allineamento dei codici fiscali e per il popolamento dell’INA, non lo è altrettanto per ciò che riguarda eventuali finanziamenti da parte del Ministero per l’acquisto delle postazioni di emissione, certificazioni delle Unioni di comuni per accentrare gli acquisti, quantità e modalità di fornitura delle nuove CIE.



Si ritiene pertanto utile un minimo di attesa al fine di evitare dispendio di risorse.

Esecuzione in (0.6817) secondi

Queries complessive (20) ((7) reali (13) cached) - Tempo totale (55.8676) msec ((4.4918) msec reali (51.3757) msec cached)

GATE S.R.L. P.IVA 01516010038

Copyright GateCOM 3 2009-2012 - Gatesrl Template © 2012

Privacy Cookies Informativa per il Trattamento dei dati personali

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!